Memorie

1

 

 

Con l’obiettivo di preservare la memoria del luogo, nello specifico di una tradizionale casa londinese d’inizio Ottocento, e allo stesso tempo di intervenire apportando modifiche che la rendessero adeguata ai bisogni della famiglia che vi andrà ad abitare, lo studio di progettazione inglese Tsuruta Architects ha trasformato l’estensione posteriore, risalente alla metà del XX secolo, conservandone il ricordo.

Lasciando pressoché inalterata la porzione di casa più antica che si affaccia sulla strada, l’oggetto dell’intervento dei progettisti è stato il volume in mattoni con il tetto a falda posto in prossimità del giardino sul retro. Per recuperare spazio si è deciso per una copertura piana così da ricavare un ampio ambiente all’ultimo piano. Esternamente i progettisti hanno scelto di adottare un rivestimento in mattoni più chiari di quelli esistenti, in modo da rendere evidente il nuovo intervento senza cancellare le tracce dell’antica costruzione.

La struttura in metallo che sorregge la nuova estensione è stata lasciata a vista e accoglie ampie porzioni di pareti vetrate che portano una grande quantità di luce all’interno della casa. Un cavedio aperto verso il cielo e completamente vetrato consente di illuminare con luce naturale anche i locali che non affacciano sulla strada o sul giardino, rendendo ogni ambiente luminoso e chiaro anche grazie alla scelta dei materiali di rivestimento sulle nuance del beige e del grigio.

 

2

3

4

5

6

7

8

9

 

Foto di Tim Crocker, Marie-Cecile Embleton e Tsuruta Architects.

The Dovecote Studio

1

Un’antica colombaia, in inglese dovecote, di epoca vittoriana, nel Suffolk, in Inghilterra, è stata trasformata in uno studio per un artista grazie all’intervento dell’architetto londinese Haworth Tompkins.

Dell’edificio risalente alla fine del XIX secolo sono rimasti solamente i muri perimetrali, all’interno dei quali è stato calato grazie ad una gru un volume in metallo progettato dallo stesso Tompkins.

Simile allo scafo di una nave presenta una struttura interna in metallo e un rivestimento esterno in acciaio corten, molto utilizzato nelle architetture degli ultimi anni per la sua peculiare capacità di autoproteggersi dalla corrosione grazie alla formazione di una patina superficiale di colore.

Un grande lucernario dal telaio in alluminio premette alla luce di illuminare l’interno dello studio. Un’altra finestra angolare illumina il mezzanino dove è stata progettata una scrivania integrata con la struttura in compensato lasciato a vista.

Il tetto spiovente e il colore rossastro del rivestimento in acciaio corten dialogano con le tradizionali case inglesi, caratterizzate dai mattoni rossi, che circondano l’antica colombaia, integrando questa nuova e bizzarra architettura con la campagna inglese.

2

3

4

5

6

7

 

Foto courtesy by Haworth Tompkins.

Trasformare

1

Una coppia di pensionati residenti nella cittadina di Menlo Park, non lontano da San Francisco, in California, ha deciso di rinnovare la propria casa, costruita negli anni Cinquanta, ampliando la zona giorno verso il giardino sul retro.

Gli architetti dello studio Terry & Terry Architecture hanno progettato l’estensione composta da due volumi che sembrano galleggiare sul prato del curatissimo giardino della coppia.

Il volume più grande ospita un’ampia zona giorno con cucina a vista che si apre sull’esterno grazie a delle grandi vetrate scorrevoli. La sensazione di unione tra gli spazi interni e quelli esterni è suggerita, oltre che dalle finestre, i cui telai sottilissimi quasi spariscono, anche dalla scelta di utilizzare la stessa pavimentazione in legno IPE’ sia per la zona giorno che per il deck che fornisce uno spazio all’aperto dove poter mangiare e godersi la bellezza del giardino.

Il volume più piccolo ospita invece la camera da letto, divisa dalla zona del soggiorno da uno spazio delimitato da una parete in vetro curva che permette al verde delle piante di entrare all’interno degli spazi della casa.

Anche la parte di casa esistente è stata oggetto di interventi che ne hanno trasformato la percezione, grazie alla scelta di materiali più caldi e accoglienti e piccoli accorgimenti che hanno reso gli spazi più vicini alle esigenze della coppia. Il portico d’ingresso è stato infatti mantenuto in quanto tratto tipico delle abitazioni statunitensi del periodo, ma è stato reso più contemporaneo grazie al nuovo rivestimento in legno IPE’. Anche le finestre sul lato strada sono state sostituite con dei telai più grandi che all’interno presentano una cornice in metallo che come un moderno bow-window offre uno spazio dove potersi sedere e guardare all’esterno.

2

3

4

5

6

Foto di Bruce Damonte.

Architettura, uomo, acqua

1

A pochi chilometri dalla foce del fiume Qiatang, nel nord della Cina, nella zona attorno alla città di Hangzhou caratterizzata da un clima umido e un ambiente paludoso sorge il complesso residenziale progettato nel 2015 dall’architetto inglese David Chipperfield.

Volumi di pietra scura sembrano emergere dalle acque stagnanti che lambiscono le case e disegnano il territorio favorendo la crescita di molte specie di piante acquatiche.

I progettisti hanno ritenuto fosse importante non distruggere questo habitat così particolare ma creare un dialogo tra architettura, uomo e natura.

I blocchi rivestiti in pietra, posti parallelamente tra loro, sono circondati da ampi fossati d’acqua. Dei plinti anch’essi in pietra fungono da basamento come nelle tradizionali costruzioni di questa regione, da sempre abitata dall’uomo che ha saputo sfruttarne le fertili terre.

Un sistema di spazi aperti mette in connessione i diversi volumi che ospitano le singole abitazioni, generando dei percorsi e delle piccole piazze in cui i residenti possono passeggiare e socializzare immersi nella natura a pochi passi dalle loro case.

All’interno gli appartamenti si sviluppano in lunghezza e presentano delle ampie finestrature dal telaio in alluminio di colore grigio antracite che incorniciano il giardino acquatico che circonda l’intero complesso residenziale.

2

3

4

6

7

8

9

10

11

12

Foto di Simon Menges.

Benvenuti sul Blog di Cetos

Siamo online con il nostro Blog Serramenti in alluminio VicenzaCetos dedicato ai nostri clienti fedeli e a tutti coloro che navigando entreranno in contatto con noi.

Aprire un blog interamente dedicato alla nostra azienda, rappresenta l’inizio di una nuova avventura, nella quale mettere a disposizione tutte le nostre conoscenze ma soprattutto ci offre l’opportunità di raggiungere chi non ci conosce, chi può trovare nella nostra realtà un interessante novità da scoprire.

Il nostro obiettivo è quello di raccontare il meglio della nostra azienda, offrire maggiori informazioni sui nostri servizi e rispondere ai commenti e alle richieste degli utenti web. Non esitate quindi a contattarci o richiedere approfondimenti, cercheremo di soddisfare al meglio e in tempi brevi le vostre richieste.

Scorrendo fra le pagine del nostro sito, troverete informazioni utili sulla nostra attività, le immagini della nostra location e gli indirizzi utili per raggiungerci via email, telefono o in sede.

Tutto lo staff di Cetos vi augura quindi una buona lettura